Stiamo conoscendo tante persone, chi ci scrive una mail, chi un messaggio su Facebook, chi su Instagram, chi incontriamo dal vivo. Praticamente a ognuna  chiedo se vuole venire a tenere un workshop da paperness ( a chi non l’ho detto è solo perché non c’era modo: vuoi venire a insegnare qualcosa da noi?).

I corsi di paperness mi piacerebbe avessero un loro stile: principalmente vorrei fossero semplici, per onorare la missione (la mission!) e il senso (il concept!) che chiunque possa goderne e divertirsi, senza complicazioni, capacità pregresse, e attrezzature complicate.

Naturalmente questa è solo la mia idea, un punto di partenza.

E per partire,  ecco un esempio.

Questo è l’album di foto e ricordi del mio giugno/luglio 2016.

Ho preso il cartone dei corn flakes, l’ho rivestito con le carte di design  (vedi post sulle carte patterned), ho deciso una certa dimensione, a caso, che mi pare sia 17 cm x 15 cm.

E poi sono andata avanti a creare pagine 17 x 15 con tanti fogli colorati presi dai cinesi. Ci ho fatto due buchi con la bucatrice, presa dai cinesi, e ci ho messo due anelli, presi dai cinesi.

Ehi Maria, non è che sotto sotto lavori per i cinesi e non ce lo avevi detto?

In realtà quello che vi voglio dire è che con poca spesa, poco tempo e molto ma molto poco sforzo ci si può creare da soli un album personalissimo.

Dimenticavo: anche le passamanerie sono dei cinesi…ehm.

Però a rendere originale e personale l’album sono le carte speciali, che potete trovare per esempio da paperness.

Si alternano le carte tinta unita con le carte patterned speciali, si aggiunge alle pagine a tinta unita qualche ritaglio e adesivo (li trovate da paperness, fra gli altri),  o anche i pezzi avanzati delle carte patterned.

Poi non  resta che attaccare le proprie foto, i biglietti o scrivere cosa si è fatto, con chi, i pensieri e i ricordi.

Dopo un anno, o meno, o più, sarà bellissimo riprenderlo in mano, guardarlo insieme agli amici, rivivere le emozioni passate.

Se a settembre, tornati dalle vacanze, cominciassimo da un corso di un album estivo simply simply? La  collezione potrebbe essere questa: vi piacerebbe?

 

 

×