Scrapanalisi

 

img_20161218_130154Eccoci, il vero e proprio “Primo Mercatino della Nostra Vita” è passato.

L’evento in sé è stato un super successo, stracolmo di gente. Bello il posto, l’allestimento, il senso postindustriale newyorkese che a me che sono provinciale piacerà anche fra 50 anni, la musica (soprattutto il primo giorno).

Abbiamo avuto tanti complimenti, e gridolini, e sorrisi e ringraziamenti e anche se è difficile ricordare precisamente chi ha detto cosa, sono tutti qui ora, sul divano dove decantiamo la fatica.

A questo punto, un secondo dopo la fine dell’inizio, cosa possiamo dire di questo “tentativo di rendere abbordabile e usabile il meraviglioso design della cartoleria americana”? Al banco com’è ovvio si avvicinano perlopiù donne,  con una certa sequenza standard di espressioni: prima stringono gli occhi (cos’è sta roba?), poi li allargano (però questi colori sono bellissimi), poi cominciano a sorridere (ehi sono contenta come una bambina!).

Non sono ancora riuscita ad andare a fondo delle ragioni del tipo di gioia che queste cose di carta danno, per ora so questo: qualcosa c’entra con la felicità dei bambini. E  si scatena in tante: non tutte certo, ma tante. Mi piacerebbe capire come, perché, cosa succede ai neuroni: ci vorrebbe una TAC quando si scopre una nuova collezione, un bravo neurologo o un bravo psichiatra.

Insomma dobbiamo capire meglio: ci tocca andare avanti.

E per la seconda volta vi saluto con un Beckett d’antan:

Non posso continuare.

Continuerò.

 

Share

One Comment Add yours

  1. Robert J ha detto:

    La ricerca è piu importante della scoperta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *